Comunicato stampa

Lettera aperta al consigliere di Stato grigionese Mario Cavigelli sull'orso M13

22.11.2012

Onorevole Consigliere di Stato dott. Cavigelli

 

M13 suscita reazioni in tutta la Svizzera. Anche noi stiamo seguendo con attenzione l’evolversi degli eventi e desideriamo esprimerle la nostra gratitudine per la gestione finora oltremodo costruttiva della questione orso. Siamo comunque preoccupati per l'attuale situazione. Per questo desideriamo renderla partecipe della nostra posizione in merito alla futura gestione del plantigrado.

 

Attualmente vengono fomentate emozioni e la popolazione poschiavina è impaurita. Ciò è dovuto in parte a dichiarazioni inesatte, ma anche ad attività di determinate cerchie politiche volte ad esasperare gli animi. È noto che la Lega Nord è intervenuta nel conflitto. Noi ci appelliamo a Lei, affinché continui ad impegnarsi per una gestione ragionevole e adeguata dell’orso M13. Indubbiamente M13 è un orso non discreto, ma non è un orso pericoloso. Finora non ha mai mostrato alcuna aggressività, ma si è limitato alla ricerca di cibo. Per gli orsi curiosi come JJ3 e M13 la curiosità diventa fatale solo quando hanno accesso all’alimentazione umana e si abituano ad essa. Nella sua prima comparsa in Val Poschiavo M13 si è imbattuto in pecore incustodite e ha memorizzato il luogo. Dapprima aveva già attraversato due volte la Val Monastero senza farsi notare e senza creare danni.

 

Affinché in futuro non sorgano più simili problemi le possibili regioni d’insediamento dell’orso nel Cantone Grigioni devono prepararsi al meglio al suo ritorno. Queste regioni dovrebbero – come in Val Monastero e parzialmente anche in Engadina Bassa – già porre in atto o perlomeno preparare a titolo preventivo le misure di protezione per   gli animali da reddito, le arnie e le fonti alimentari antropogene, affinché si possano attivare immediatamente all'arrivo di un orso.

 

La comunicazione sul ritorno dei grandi predatori come il lupo, l’orso e la lince è un fattore decisivo. Siamo lieti che l’informazione da parte Sua risulti differenziata, pacata e trasparente. Auspichiamo che la situazione attuale sia valutata da specialisti qualificati per quanto concerne la gestione dell’orso e che la popolazione sia informata in modo completo e oggettivo sulla gestione, il comportamento e le abitudini degli orsi. A tal fine Pro Natura ha già offerto alle autorità comunali in Val Poschiavo la propria assistenza tecnica e aiuti finanziari.

 

Gran parte della popolazione – anche indigena – ha un rapporto meno conflittuale con l’orso di quanto possa apparire ora. Troppo spesso tuttavia le voci concilianti restano inascoltate. Non permetta che sia chi urla più forte a determinare la situazione. In Val Monastero si è visto che la convivenza è possibile. Si tratta soltanto di preparare attivamente le potenziali regioni all’immigrazione di orsi e di sostenerle con l’assistenza di esperti nell’attuazione delle misure necessarie. Contiamo sul Suo impegno!

 

Ringraziandola per la gentile collaborazione Le inviamo i nostri più cordiali saluti

 

Pro Natura 

 

Silva Semadeni

Presidente

   

Otto Sieber

Segretario centrale

 

Torna indietro