Comunicato stampa

Progetto «Allegra Geissenpeter» in Bregaglia: Impegno di Pro Natura per l’agricoltura di montagna

02.05.2013

I versanti meridionali della Bregaglia, un tempo in gran parte falciati, sono oggi per lo più invasi dagli arbusti e dal bosco, che stanno cancellando i prati fioriti e i suoli coltivi. Nel quadro del progetto «Allegra Geissenpeter», negli ultimi due anni Pro Natura ha ripulito queste superfici per rimetterle a disposizione dei contadini di montagna. Da oggi, giovani che prestano servizio civile tornano al lavoro per ripristinare i prati secchi di Soglio in vista dell’imminente pascolazione di bovini Dexter e capre. 

 

Fin nella prima metà del XX secolo, gran parte dei versanti meridionali della Bregaglia era sfruttata come prato da sfalcio. Dalla seconda guerra mondiale, l’agricoltura in queste regioni ha però subìto un forte declino. Nel giro di una generazione, a Soglio i prati si sono ridotti da 254 a 70 ettari. I grandi prati secchi e le selve castanili di importanza nazionale sono stati invasi prima dagli arbusti e poi dal bosco. Nel quadro del suo progetto di pascolazione «Allegra Geissenpeter» («buongiorno capraio»), Pro Natura ha lanciato due anni or sono un’iniziativa per recuperare una parte di questi prati bregagliotti. In una prima fase, durata in totale cinque settimane, squadre di 10-12 persone in servizio civile hanno liberato e rivalorizzato un’area equivalente a oltre 14 campi da calcio. Oggi ha inizio la parte successiva del recupero dei prati, che a fine maggio o inizio giugno verranno di nuovo destinati alla pascolazione di animali da reddito.


Pascolazione di bovini Dexter
Questi prati secchi, abbandonati nel secolo scorso perché non più redditizi, verranno gestiti in modo adeguato e sostenibile da quattro agricoltori locali, che dall’autunno 2011 vi fanno pascolare capre e una speciale razza bovina, la Dexter. Molto robuste, di taglia piccola e dal peso ridotto, queste vacche sono l’ideale su terreni fortemente strutturati. Le superfici liberate sono già state integrate nelle aziende agricole esistenti e la loro gestione è assicurata da contratti con l’Ufficio per la natura e l’ambiente del Cantone dei Grigioni. Un terzo di esse è già stato riconosciuto quale superficie agricola, la premessa per il versamento dei pagamenti diretti, senza i quali nessun utilizzo renderebbe. Il riconoscimento degli altri due terzi è previsto per la primavera 2013. La varietà di piante, cavallette e farfalle è notevolmente aumentata, ma l’effetto definitivo delle misure di ripristino potrà essere stabilito soltanto con il controllo finale nel 2015.

 

[Infobox]
«Allegra Geissenpeter»: protezione della natura e agricoltura al contempo
«Allegra Geissenpeter» è un progetto di Pro Natura attuato in varie regioni della Svizzera per rivalorizzare e ripristinare in collaborazione con i contadini locali i pendii un tempo utilizzati a scopo agricolo. Accanto a Soglio in Bregaglia, anche la Valle del Reno di Coira e la regione di Chalais in Vallese sono inserite in questo progetto, che dal 2006 dà ottimi frutti. L’importante lavoro svolto a Soglio è in gran parte finanziato da Coop. Nel 2010, Anno internazionale della biodiversità, l’iniziativa «Fiori selvatici» lanciata da Coop e Pro Natura ha permesso di valorizzare circa 280'000 metri quadrati di suolo un tempo ricoperto da prati fioriti.

 

Internet:
www.pronatura.ch/allegra-geissenpeter (solo tedesco)


Maggiori informazioni:

  • Gabriela Giacometti, Pro Natura Bregaglia, tel. 081 822 12 29
  • Patrizia Guggenheim, Pro Natura Bregaglia, tel. 081 822 13 27

Torna indietro