Luchs im Wald © Christoph Oeschger

La lince, il lupo e l’orso sono tornati

I grandi predatori appartengono alla fauna svizzera e non devono venire sterminati una seconda volta.

La lince, il lupo e l’orso fanno parte della fauna indigena e Pro Natura è felice che stiano tornando nel loro habitat d’origine. Per abbattere i pregiudizi informiamo la popolazione, e con progetti mirati e impegno sul piano politico ci adoperiamo in favore di una maggiore tolleranza nei confronti dei grandi predatori.

Ritorno nell’habitat ancestrale

Cento anni fa, l’uomo ha sterminato la lince, l’orso e il lupo. Una sorte simile è toccata alle loro prede principali (capriolo, cervo, camoscio), che nel migliore dei casi sono state «solo» fortemente decimate. Oggi, i tre grandi predatori sono tornati in Svizzera, come hanno fatto in precedenza le loro prede. La lince si è insediata nelle Prealpi e nel Giura. Il lupo sta facendo ritorno dall’Italia e dalla Francia, e nel 2012 ha anche fondato la prima famiglia sul nostro territorio. Dall’estate 2005, c’è poi di continuo qualche orso che sconfina dal Norditalia.

La coabitazione è possibile

Pro Natura è cosciente che la coabitazione con il lupo, l’orso e la lince rappresenti una novità a cui occorre prima abituarsi. Siamo tuttavia convinti che sia possibile e ci impegniamo per trovare soluzioni costruttive. Allo scopo, cerchiamo il colloquio con i diretti interessati e aiutiamo ad assicurare la protezione delle greggi.

Grandi predatori e allevamento non si escludono a vicenda. Su pascoli sorvegliati da un pastore o sottoposti a sorveglianza regolare, i capi sono al sicuro. In ogni caso, soltanto se l’alpeggio è ben gestito, ovini e bovini contribuiscono alla tutela della biodiversità nelle Alpi. Senza contare che sorvegliare le greggi significa anche proteggere gli animali in modo continuo, considerato che la maggior parte delle pecore sull’alpe non muore sbranata dai lupi, bensì a causa di malattie, cadute o fulmini!

I cani da protezione delle greggi sono una soluzione efficace per tenere lontani i predatori, di qualsiasi genere. Un cortometraggio cofinanziato da Pro Natura mostra qual è il comportamento corretto da adottare nel caso li si dovesse incontrare.

 

Come turista nei confronti dei cani da protezione? (Versione più lunga)

La protezione legale non può essere indebolita

Il lupo, l’orso e la lince sono protetti dalla legge. Ciò nonostante, di continuo si alzano voci che chiedono di ridurne il numero. Senza contare gli abbattimenti illegali, tutt’altro che rari, e il già sensibile indebolimento della protezione legale del lupo. Pro Natura è convinta che urga una tutela efficace per la sopravvivenza di questi animali, che altrimenti rischiano di venir sterminati una seconda volta! Per questa ragione, ci opponiamo a livello politico a un indebolimento della protezione del lupo, dell’orso e della lince e chiediamo che il bracconaggio venga severamente perseguito! 

Potrebbe anche interessarti